Le deformità auricolari, indipendentemente dalla loro entità, devono essere considerate delle malformazioni.

La deformità più comune è rappresentata dall’eccessiva prominenza del padiglione (orecchie a ventola) e può essere dovuta o ad un eccessivo sviluppo della conca (parte centrale del padiglione) oppure alla mancata formazione di alcune ripiegature esterne (elice ed antelice).

L’intervento di otoplastica è finalizzato alla correzione di tale deformità.
A partire dall’età scolare (8 anni) questo tipo di intervento trova già indicazione, in quanto a questa età il padiglione auricolare ha sicuramente raggiunto il completo e definitivo sviluppo, senza  inoltre trascurare le problematiche di natura psicologica che spesso si accompagnano a questo tipo di malformazione tra i banchi di scuola.

Il giorno precedente l’intervento è opportuno effettuare un accurato lavaggio dei capelli, mentre non è necessario il taglio dei capelli. L’intervento può essere eseguito in anestesia locale o in anestesia locale con sedazione, ha una durata di circa un’ora e può svolgersi in regime ambulatoriale, di day surgery o con degenza notturna. E’ opportuna la presenza di un accompagnatore per il rientro a domicilio.

Il decorso post operatorio prevede una terapia antibiotica ed antidolorifica. La rimozione dei punti avviene normalmente dopo 7/10 giorni e le cicatrici sono difficilmente visibili, anche a distanza ravvicinata, poichè posizionate nella parte posteriore del padiglione e nascoste nel solco retroauricolare.

Il costo medio di questo tipo di intervento è di 3.000/4.000 euro in relazione al tipo di malformazione da correggere.

 

 

Chiama il dott. Fama per una visita gratuita